Lemieversionididonna

It's all in your prospective...
Entra nel Blog

Benvenuti nel Blog

 

Lemieversionididonna: il Blog che condivide qualche scorcio di vita quotidiana, qualche idea di mamma, qualche punto di vista femminile

 

 

Gli ultimi Post

Allattamento: mamme che vogliono allattare al seno

Allattamento: mamme che vogliono allattare al seno La mia cara amica Giuli ha appena messo al mondo un meraviglioso bambino di cui mi sento già la zia putativa. Il suo ingresso nell’ universo delle mamme mi fa rivivere, passo dopo passo, le tappe che io stessa ho...

Donne e stress da rumore di fondo

Settembre, mese davvero impegnativo per una donna, per una mamma. Tanto che sono solita dire, sul finire di Agosto: “tra poco ricomincia l’anno”, sollevando l’ilarità di chi mi ascolta pensando che l’anno incomincia a Gennaio. Il mio calendario, invece, segue quello...

Genitori e quel bisogno di compiacere i figli.

Anni ‘90, i miei genitori tornavano a casa dal lavoro alle 19.30, mia madre apparecchiava ed allestiva la cena, ci si sedeva a tavola, papà al suo posto (che non era neanche lontanamente in discussione), telegiornale delle 20.00 alla TV e si incominciava a mangiare....

I capricci dei bambini. Equilibrismi quotidiani tra stereotipi e realtà personali.

A proposito di capricci dei nostri figli, noi mamme moderne siamo cresciute con una sorta di mantra: “quando sgridi tuo figlio, devi guardarlo negli occhi (meglio se genuflessa, in modo da essere alla sua precisa altezza) e, con voce ferma, ma pacata, spiegargli che il suo comportamento non è corretto, fino a quando sentendosi rassicurato, non cesserà”.
Così, mentre aspettavo il mio primo figlio, immaginavo con compiacimento scene di me che avrei sedato le bizze del bambino che urlava per ottenere il lecca lecca, con la calma serafica, e che, con la sola imposizione della stessa, lui avrebbe interrotto il capriccio, rinunciando con comprensione, quasi con gioia, al dolciume.
Poi i figli li ho avuti devvero e…beh ecco…il film verità ha Visto trame un po’ differenti da quelle vagheggiate.

In libreria

Venuto al mondo

Autore: Margaret Mazzantini

Edizione: Feltrinelli

Ho approcciato questa lettura con qualche timore, invogliata dal sapiente consiglio di un’amica del cui gusto mi fido, perchè sono sempre un po’ spaventata dalla letteratura contemporanea di grandi dimensioni (529 pagine). Infatti, sono ben pochi gli autori moderni in grado di gestire in modo adeguato un romanzo corposo.

Ebbene, Margaret Mazzantini è una di quei pochi.

Questo libro mi ha letteralmente attraversata, pescandomi dai luoghi in cui ero e teletrasportandomi tra Roma e Sarajevo (le città in cui si svolge la storia), rendendomeli cari quanto ai suoi protagonisti e facendomi venire la voglia di acquistare un biglietto e visitare di persona la città di Sarajevo, che, difficilmente, sarebbe stata tra le mie mete, altrimenti.

Venuto al mondo è uno di quei libri che, letta l’ultima pagina, ti fanno sentire la mancanza dei personaggi, ai quali ti sei affezionato leggendo.

La prosa è ben scritta, il ritmo è sempre sostenuto e la storia è originale.

Ma, i due aspetti che davvero mi hanno lasciata ammirata davanti al romanzo sono due.

Il primo: la guerra, tema che fa, ora da sfondo, ora da primo piano, lungo tutto il componimento narrativo, è tema trattato, in modo non stucchevole, fuori dai consueti semplicismi e buonismi. Carnefici e vittime si mischiano e finiscono per convergere, perché così è la guerra, qui analizzata nel suo sottrarre umanità a tutti, a coloro che la provocano ed a coloro che la subiscono.

Il secondo: la relazione tra i due protagonisti è di una profondità toccante, ma ci mostra come l’amore, a volte, ineluttabilmente e drammaticamente sia una questione di momenti; come anche l’amore più viscerale possa essere prevaricato dagli accadimenti di una vita, tranne, probabilmente, quello per i figli.

Infine, ma non in ordine di importanza, Margaret Mazzantini è eccellentemente capace di raccontare anche le brutture dei personaggi che dipinge, scavando nei meandri dei pensieri più diabolici e, allo stesso tempo, così comuni, di quegli individui e, con loro, di tutti gli esseri umani.

Lo fa con la protagonista, quando ne descrive il poco eroico desiderio di salvare la pelle o la rabbia perversa, ma tanto naturale, nei confronti di una bambina troppo bella, che porta il nome di una ben meno avvenente ma a lei cara. Lo fa con Gojko, quando narra delle sue frasi intrise di cattiveria, volte a pungere nel vivo, per soddisfare un suo bisogno personale.

Ciò ci permette di fare un viaggio tra le bassezze e le grandezze dell’animo umano, così vere, così inevitabili.

“Venuto al mondo” è stato il primo romanzo che ho letto di Margaret Mazzantini.

Sono corsa ad acquistare “Non ti muovere”.

In libreria con i bambini

Tea Cosa faccio se mi annoio?

Tea Cosa faccio se mi annoio?

Tea è una bambina di 6 anni che, come spesso accade ai bambini moderni, senza un’attività da eseguire, si trova a pensare, come prima fonte di svago, ad un dispositivo (pc, tv…). Soltanto che, a casa di Nonna, non ci sono tablet di sorta e la televisione trasmette soltanto tre canali!

Che rabbia!

Che rabbia!

Mireille Allancè Traduttore: A. Morpurgo Editore: Babalibri Anno edizione: 2000 Perchè mi piace? Roberto non reprime la sua rabbia, la riconosce, e la fa scemare fino a riporla in una scatola. Anche noi adulti, a volte, dovremmo...

Ricette Bio

Sandwich di melanzane

Sandwich di melanzane

Sandwich di melanzane Piatto sfizioso e di facile esecuzione. Prendete melanzane biologiche in quantità variabili a seconda dell'occasione, pomodorini datterini bio, basilico, magari coltivato sul proprio balcone, e mozzarella di bufala. Tagliate le melanzane in...

Quiche al formaggio salvacena

Quiche al formaggio salvacena

Più semplice, non si può! Questa ricetta è nata dalla volontà di abolire la pasta sfoglia come base per la torta salata e dalla mancanza nel frigo di spinaci, zucchine o qualunque verdura che normalmente si inserisce in una quiche. Anche le dosi degli ingredienti...

Outfit indossati da donne come Noi

Che bello vestirsi!

Che bello vestirsi!

E’ divertentissimo mettere al servizio dei propri gusti la moda, scegliendo i trend che, in una determinata stagione, sentiamo nostri e, perchè no, reinterpretarli secondo il proprio modo di essere. Ecco la prima mise Esatate...

Invia il Tuo Look

E Voi? Qual’è il vostro look preferito per l’Estate 2019? Inviate una foto, sarò lieta di pubblicarla!

Lascia un Commento

0 commenti

Contattami

10 + 11 =